FITOTERAPIA

Fitoterapia


Fitoterapia significa letteralmente “cura con le piante”.

La fitoterapia è sicuramente antica quanto l’essere umano. Per millenni le piante hanno costituito la principale fonte di sostanze terapeutiche. Questo è vero per tutte le Medicine più antiche che conosciamo. Ayurveda, Medicina tibetana, Medicina tradizionale cinese (di cui l’Agopuntura è solo una parte).

Nella cultura occidentale si tende a dimenticare un fenomeno che ha profondamente segnato per alcuni secoli la coscienza collettiva e la pratica terapeutica: la caccia alle streghe perpetrata dall’Inquisizione. Una donna rischiava la vita se veniva vista raccogliere erbe o piante, soprattutto se da sola.

La Medicina Occidentale moderna ha svalutato la fitoterapia in nome della presunta superiorità di quello che viene chiamato “principio attivo”. Si isola una sostanza chimica il più possibile “pura” sostenendo che in questo modo l’effetto sull’organismo è più standardizzabile e riproducibile. Personalmente, ho visto innumerevoli volte nella mia vita professionale che la stessa sostanza somministrata a persone diverse produce molto spesso effetti completamente diversi.

I sostenitori della fitoterapia valorizzano invece il fatto che ciò che si estrae da una pianta ha una specie di “saggezza” per la quale gli effetti indesiderati sono attenuati proprio dalla complessità di sostanze presenti (“Il tutto è più della somma delle sue parti”). Nelle formule Ayurvediche si mescolano spesso diverse piante proprio per compensare gli effetti indesiderati.

 Leggi tutto

ALOE: MODA PASSEGGERA O AUTENTICA TERAPIA ?


Per saperne di più su una pianta usata da milioni di persone

Cos’è l’Aloe? A cosa serve?  Ci sono studi scientifici su questa pianta? Come bisogna orientarsi nella giungla di prodotti a base di Aloe? E’ vero che può curare i tumori? E  tante altre domande.

Aloe.

Negli ultimi 10 anni l’Aloe ha conosciuto una diffusione senza precedenti. Come sempre succede in questi casi questa diffusione è stata accompagnata da una messe di informazioni contrastanti, che possono disorientare. Possiamo infatti trovare messaggi miracolistici secondo i quali l’Aloe sarebbe la panacea di tutti i mali e la soluzione per malattie gravi, il cancro in primis, messaggi più contenuti dal tono più moderato, e ferme “ condanne” senza appello.   L’uso dell’Aloe in Medicina è antichissimo; è una pianta conosciuta nella Farmacopea ufficiale, che ne conosce soprattutto le proprietà purgative.  Ma la pianta contiene anche vitamine, amminoacidi (i costituenti delle proteine), sali minerali, polisaccaridi ecc. Sono quindi note proprietà anti-infiammatorie, cicatrizzanti, immuno-stimolanti, depurative ecc.

Ciò che bisogna sapere è che di tutte queste sostanze alcune sono contenute solo nella buccia, altre nella polpa della foglia; un preparato di foglia intera sarà quindi molto diverso da uno di sola polpa (gel) mentre il succo potrà contenere ancora meno sostanze attive. Altri problemi sono dati dal fatto che le proprietà della pianta sono ben diverse a seconda del terreno sulla quale è coltivata, a seconda dell’uso o meno si fertilizzanti o pesticidi chimici, dell’eventuale aggiunta di conservanti artificiali ecc. Molto delicata è anche la scelta delle piante: esse devono essere sufficientemente

cresciute, non se possono asportare molte foglie per ogni pianta ecc. Infine, un altro motivo per cui nella preparazione si sconsiglia il “fai da te” (che era ritenuto possibile una decina d’anni fa) è che esistono moltissime varietà di Aloe e che per distinguerle bisogna essere veramente esperti.

E qui un altro punto fondamentale: le varietà più usate sono Aloe Arborescens e A. Vera; ebbene, seri studi di laboratorio e clinici hanno dimostrato che la più ricca in sostanze ed in proprietà benefiche non è la Vera, ma l’Arborescens; molte ditte giocano invece sul nome “A. Vera” sottintendendo che, proprio chiamandosi “Vera”, sarebbe “quella autentica”. Infine, un altro punto doloroso: esistono ditte poco serie che giocano sulla qualità in modo veramente desolante: una confezione può riportare la scritta: “puro succo di Aloe al 100%” ; bene, può voler dire che la ditta ha utilizzato puro succo, ma ciò non toglie che possa essere poi diluito con una quantità imprecisata di acqua ! Infine la domanda più scottante: è vero che l’A. può curare il cancro ? bene, esistono studi di laboratorio e su pazienti che dimostrano che questa pianta può veramente aiutare nella cura di questa malattia; il che non toglie, però, che debbano essere messi in atto tutti quei cambiamenti di alimentazione, di stile di vita, di cura dell’ambiente che sono necessari per vincere una battaglia così impegnativa.

 

www.angelariel.com

PROSSIMI EVENTI

Servizio calendario google temporaneamente non disponibile

Accedi al calendario completo




Login

Valid XHTML 1.0 Transitional